Concordo, fino ad un certo punto. Innanzitutto io credo che l’autodisciplina (o la concentrazione) non sia un mito ma sia sopravvalutata, perchè ha un costo, è una risorsa scarsa. E come tutto ciò che è scarso va controllato e preservato. Sulla mia pelle, ho visto che eliminare de facto distrazioni facili è molto utile: leggere sul letto un libro di carta è per me più semplice che leggere sul laptop un articolo longform fra altre 10 tab, fra cui facebook e twitter e mail. Quando ho il tablet, cliccare l’icona twitter è più semplice, per me, che cliccare l’icona ebook reader. Questo perchè il costo all’ingresso di twitter e facebook è molto più basso. Sul libro di carta (o l’ereader), io proteggo quei pochi minuti in cui una distrazione sarebbe fatale, preservo uno spazio sicuro per potermi concentrare. Secondo me ha senso.

Digital librarian, former president of Wikimedia Italia. I work with books and metadata.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store